Voto che dai, fascista che trovi

Si avvicinano le elezioni europee, e in Italia l’esito più temuto è una vittoria schiacciante di Matteo Salvini. “Salvini il fascista”, l’impresentabile, tanto che conosco gente che, pur condividendo la sua linea politica, alla fine rinuncerà a votarlo perché non se la sente di schierarsi dalla parte di chi, nell’opinione pubblica, è considerato un mostro a tutti gli effetti. La storia sembra ripetersi. Nel…

Continua a leggere Voto che dai, fascista che trovi
Genitori omosessuali

Cara Gió, a proposito di adozioni omosessuali

Cara Gió*, continuiamo a non trovare tempo per vederci. È un peccato, perché ci sono tante cose di cui vorrei parlarti. Ad esempio mi piacerebbe riprendere quella discussione che una volta avevamo iniziato sulla cosiddetta “gravidanza surrogata” (o “utero in affitto”). Tu, così almeno ricordo, condividevi con me alcuni dubbi sulla “maternità surrogata”:

Continua a leggere Cara Gió, a proposito di adozioni omosessuali
Parità di genere

Cara Gió, a proposito di maschi e femmine

Cara Gió*, l’ultima volta che ci siamo sentite mi hai chiesto se sarei andata alla contromanifestazione di Verona, per contrastare quel «ritorno al Medioevo» che secondo molti, e secondo te, propugnano gli organizzatori del WCF (World Congress of Families, in italiano “Congresso Mondiale delle Famiglie”), quest’anno patrocinato da una parte del Governo.

Continua a leggere Cara Gió, a proposito di maschi e femmine
Ci siamo rotti i polmoni

Marcia per il clima: un ruggito o un belato?

«Il movimento giovanile sull’ambiente, c’è aria di un nuovo ’68». Così recita il titolo di un articolo dell’Ansa del 15 marzo 2019, giorno in cui studenti (e non) in ogni parte del globo si sono uniti in una manifestazione in favore della lotta ai cambiamenti climatici, che da anni invadono a giorni alterni le prime pagine dei quotidiani lasciando intravedere un futuro plumbeo per…

Continua a leggere Marcia per il clima: un ruggito o un belato?

La Lega al confine tra democrazia e dittatura

Quando andavo al liceo le televisioni mandavano i loro giornalisti, durante le giornate di sciopero studentesco, davanti alle scuole, a fare qualche domanda ai poveri malcapitati: per cosa manifestavano, chi c’era al governo, cosa c’era di sbagliato nelle riforme in corso d’approvazione e via dicendo. E, puntualmente, i giornalisti trovavano studenti ignoranti o “sempliciotti” che fornivano risposte smodate o deludenti e studenti più preparati…

Continua a leggere La Lega al confine tra democrazia e dittatura
Una delle tante manifestazioni per liberazione dei "prigionieri politici"

La disobbedienza civile e il divorzio alla catalana

La vicenda di Domenico “Mimmo” Lucano, sindaco di Riace arrestato per “favoreggiamento di immigrazione clandestina”, ha messo sotto i riflettori della discussione pubblica il concetto di “disobbedienza civile”, e adesso tutti hanno sulla bocca queste due belle parole.

Continua a leggere La disobbedienza civile e il divorzio alla catalana
Greci in coda agli sportelli nel 2015

La democrazia spread-giudicata

Ormai, da quel lontano 2011 in cui il “Governo Berlusconi IV” fu poco cortesemente accompagnato alla porta per accogliere l’allora neo-senatore a vita Mario Monti, lo spread è diventato una costante delle nostre vite. Come un inquietante avvoltoio, si è appollaiato sulla nostra spalla e, di tanto in tanto, si gonfia tronfio e, tutto impettito, ci becca insistentemente l’orecchio, come per ricordarci che esiste anche lui.

Continua a leggere La democrazia spread-giudicata
Manichini di Salvini e Di Maio prendono fuoco

Lettera aperta a Luigi Di Maio

Gentile ministro Di Maio, ho letto con interesse il suo post su facebook del 12 ottobre in merito agli eventi della manifestazione studentesca dello stesso giorno a Torino. Mi fa piacere che lei non sia stato tentato dalle posizioni di altri leader di partito, che negli ultimi anni hanno appiattito sotto il termine di “violenza” ogni protesta sociale che si discostasse di un dito…

Continua a leggere Lettera aperta a Luigi Di Maio