Sea Watch 3: il detto e il non detto

I migranti a bordo della Sea Watch 3 (foto di Matteo Guidelli)
Partiamo da un presupposto: quanto successo negli scorsi giorni a Lampedusa è grave, da qualunque punto di vista lo si osservi. È grave se riteniamo che a sbagliare sia stato il governo italiano, è grave se crediamo che sia il capitano della Sea Watch 3, Carola Rackete, a stare dalla parte del torto; è grave se pensiamo ai 42 migranti che da 15 giorni sono bloccati su una nave, è grave se pensiamo alla facilità con cui sono stati violati i confini nazionali italiani di fronte al resto del mondo che stava a guardare. Ed è grave il fatto …

Mappa dell’intolleranza: i limiti di una ricerca “monca” in partenza

Grafico relativo ai tweet di odio nei confronti delle donne offerto da Vox Diritti. Nel grafico, diversi i "picchi" (verso l'alto e verso il basso) non spiegati dai ricercatori.
È stata pubblicata, qualche tempo fa, la quarta edizione della "Mappa dell'intolleranza" realizzata da Vox Diritti in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano, l'Università "La Sapienza" di Roma e l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". La mappa, nelle intenzioni degli autori, dovrebbe restituire una fotografia dell'"odio via social", offrendo una panoramica su quali sono le città più "intolleranti" e su quali categorie si concentra l'intolleranza. Purtroppo chi ha svolto la ricerca non mette a disposizione del pubblico delucidazioni sufficienti su quali sono stati i metodi di ricerca adottati. Ciò che si sa …

Non sono razzista ma: la sfida dell’immigrazione

Non sono razzista ma (Vauro)
«Chi dice "io non sono razzista, ma" è un razzista ma non lo sa». Così recita il ritornello di una canzone salita alla ribalta negli ultimi anni, che bene rappresenta il clima di tensione aleggiante nel nostro Paese (e non solo) sul dibattito intorno ai flussi migratori del nuovo millennio. Negli scorsi giorni l'ennesima nave delle ONG ha soccorso l'ennesima imbarcazione di fortuna piena di migranti che volevano raggiungere l'Europa, quel "paradiso terrestre" di pace, benessere e libertà che molte persone, dalle aree più svantaggiate del mondo, inseguono alla stregua di una "terra promessa". Per l'ennesima volta, le ONG hanno …

L’eterna amicizia tra libertà e sicurezza

Recinzione anti-immigrati a Melilla (REUTERS)
Di fronte a fenomeni come un'immigrazione difficile da gestire e agli attentati di matrice islamica che si sono susseguiti in questi anni in Europa e nel mondo, l'aut-aut tra libertà e sicurezza è diventato un dilemma all’ordine del giorno. Nel 2016, ad esempio, la decisione del governo austriaco di reintrodurre i controlli alla frontiera del Brennero ha fatto molto discutere e ha occupato a lungo il dibattito pubblico. Oggi accade altrettanto con la decisione del governo italiano di "chiudere i porti" e respingere gli immigrati clandestini di cui il nostro Paese, in quanto penisola, è "facile preda". Ciò che infastidisce …

Voto che dai, fascista che trovi

Scritta sui muri di Lecce. Intanto, sui muri di una scuola di Pisa, spunta una scritta contro una studentessa: «Leghista non ti vogliamo»
Si avvicinano le elezioni europee, e in Italia è corsa al "rischio fascismo": l'esito più temuto è una vittoria schiacciante di Matteo Salvini. "Salvini il fascista", l'impresentabile, tanto che conosco gente che, pur condividendo la sua linea politica, alla fine rinuncerà a votarlo perché non se la sente di schierarsi dalla parte di chi, nell'opinione pubblica, è considerato un mostro a tutti gli effetti. La storia sembra ripetersi. Nel 2013, quando avevo pensato di votare il Movimento 5 Stelle alle elezioni politiche e tentavo di spiegare ai miei amici le ragioni della mia scelta, mi sentivo spesso rispondere …