Ma perché il coprifuoco?

Scritte contro il coprifuoco sui muri di Milano (foto di Repubblica)

La settimana scorsa quattro Regioni italiane(1)In realtà a quanto pare sono sei, ma l’ordine sparso con cui procedono i territori rende noioso e inutile tenere il conto. hanno emanato delle ordinanze per far fronte alla nuova ondata di Coronavirus che sta colpendo in questi giorni il nostro Paese. Tra gli strumenti scelti spicca quello del coprifuoco. Ovvero, recitano le ordinanze, “dalle ore 23:00 [24:00 nel caso del Lazio] alle ore 05:00 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni caso consentito…

Continua a leggere... Ma perché il coprifuoco?

Sea Watch 3: il detto e il non detto

I migranti a bordo della Sea Watch 3 (foto di Matteo Guidelli)

Partiamo da un presupposto: quanto successo negli scorsi giorni a Lampedusa è grave, da qualunque punto di vista lo si osservi. È grave se riteniamo che a sbagliare sia stato il governo italiano, è grave se crediamo che sia il capitano della Sea Watch 3, Carola Rackete, a stare dalla parte del torto; è grave se pensiamo ai 42 migranti che da 15 giorni sono bloccati su una nave, è grave se pensiamo alla facilità con cui sono stati violati i confini nazionali italiani di fronte al resto del mondo che stava a guardare. Ed è grave il fatto che,…

Continua a leggere... Sea Watch 3: il detto e il non detto

Non sono razzista ma: la sfida dell’immigrazione

Non sono razzista ma (Vauro)

«Chi dice “io non sono razzista, ma” è un razzista ma non lo sa». Così recita il ritornello di una canzone salita alla ribalta negli ultimi anni, che bene rappresenta il clima di tensione aleggiante nel nostro Paese (e non solo) sul dibattito intorno ai flussi migratori del nuovo millennio. Negli scorsi giorni l’ennesima nave delle ONG ha soccorso l’ennesima imbarcazione di fortuna piena di migranti che volevano raggiungere l’Europa, quel “paradiso terrestre” di pace, benessere e libertà che molte persone, dalle aree più svantaggiate del mondo, inseguono alla stregua di una “terra promessa”. Per l’ennesima volta, le ONG hanno…

Continua a leggere... Non sono razzista ma: la sfida dell’immigrazione

Aborto, Verona e 194: facciamo un po’ di chiarezza

Diritti a confronto: aborto e obiezione di coscienza

Sulla scia delle lettere che ho scritto alla mia amica Gió in tema di differenze di genere e adozioni omosessuali, vorrei affrontare un altro argomento oggi molto divisivo e malamente dibattuto nello spazio pubblico, tentando di fare un po’ di chiarezza sulla cosiddetta “mozione anti-aborto” varata dalla Lega a Verona, nella speranza di ridare dignità a un dibattito che meriterebbe maggiore ponderatezza da parte di chi si esprime pubblicamente in merito. Prima di proseguire, dato che si tende sempre più a pre-etichettare le persone, attribuendo loro idee che non hanno espresso, voglio chiarire che ritengo che la possibilità di abortire…

Continua a leggere... Aborto, Verona e 194: facciamo un po’ di chiarezza

Abbiamo tutti suicidato Noa

Informazione e democrazia (da internet)

Alla fine si è scoperto che Noa non è stata suicidata dal suo Stato e dai suoi medici ricorrendo all’eutanasia, ma che si è lasciata morire di fame in casa sua, con il consenso dei genitori, dopo che i medici olandesi le hanno negato la possibilità della “buona morte” perché troppo giovane per compiere una scelta del genere: aveva solo 17 anni. Questa, almeno, è l’ultima versione fornita dai maggiori quotidiani italiani, che dopo aver scritto che Noa aveva ricorso all’eutanasia in seguito a una depressione indotta dalle violenze sessuali subite da bambina, dopo un giorno intero hanno alla fine…

Continua a leggere... Abbiamo tutti suicidato Noa

Una generazione di “Partitori”

"Non è un Paese per giovani"

“Le cose qui non vanno, manca il lavoro e manca un’università davvero buona, manca chi si adoperi per migliorare le cose e manca chi ascolti le persone che vorrebbero darsi da fare; esistono i talenti ma non ci sono le opportunità, e quindi noi giovani talentuosi ce ne andiamo altrove in cerca di fortuna”. Questo è il messaggio che molti dei miei coetanei lanciano ai governi che si susseguono in Italia. Se ci si pensa a fondo, è forse il messaggio più triste che dei ventenni possono dare al mondo. Perché rappresenta una resa, ed è una resa che arriva…

Continua a leggere... Una generazione di “Partitori”