I migranti a bordo della Sea Watch 3 (foto di Matteo Guidelli)

Sea Watch 3: il detto e il non detto

Partiamo da un presupposto: quanto successo negli scorsi giorni a Lampedusa è grave, da qualunque punto di vista lo si osservi. È grave se riteniamo che a sbagliare sia stato il governo italiano, è grave se crediamo che sia il capitano della Sea Watch 3, Carola Rackete, a stare dalla parte del torto; è grave se pensiamo ai 42 migranti che da 15 giorni…

Continua a leggere Sea Watch 3: il detto e il non detto
Parità di genere

Cara Gió, a proposito di maschi e femmine

Cara Gió*, l’ultima volta che ci siamo sentite mi hai chiesto se sarei andata alla contromanifestazione di Verona, per contrastare quel «ritorno al Medioevo» che secondo molti, e secondo te, propugnano gli organizzatori del WCF (World Congress of Families, in italiano “Congresso Mondiale delle Famiglie”), quest’anno patrocinato da una parte del Governo.

Continua a leggere Cara Gió, a proposito di maschi e femmine

La Lega al confine tra democrazia e dittatura

Quando andavo al liceo le televisioni mandavano i loro giornalisti, durante le giornate di sciopero studentesco, davanti alle scuole, a fare qualche domanda ai poveri malcapitati: per cosa manifestavano, chi c’era al governo, cosa c’era di sbagliato nelle riforme in corso d’approvazione e via dicendo. E, puntualmente, i giornalisti trovavano studenti ignoranti o “sempliciotti” che fornivano risposte smodate o deludenti e studenti più preparati…

Continua a leggere La Lega al confine tra democrazia e dittatura